Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
A+ A A-
Tools

PADRE PIO DI CAPURSO. LETTERA APERTA AL PRESIDENTE EMILIANO

ficco

Gentile Presidente,
ho appreso con immenso piacere, da un lato, e stupore, dall’altro, che Lei sostiene in punto di diritto quanto da sempre ribadito dal sottoscritto e dalla O.S. che rappresento (il riferimento è al Consiglio Regionale del 21 u.s. ed a quanto da Lei argomentato a fronte di specifica interrogazione sulla
vicenda “Padre Pio”).
Sul primo fronte, devo manifestarLe che, nel corso di questa lunga ed estenuante vertenza, la FP CGIL – unitamente alla CISL FP per la verità – è stata additata come colei che avrebbe voluto la chiusura dell’azienda, semplicemente perché con testardaggine provava a sostenere che l’inadempienza retributiva in capo alla GMS doveva essere sanata dalla GMS e non da altri.

Il fatto che Lei lo abbia ribadito non può che farci piacere.
Ricordo, da ultimo ed in particolare, quanto accaduto nel corso della recente Task Force ove, insieme ai colleghi della CISL, ci rifiutavamo fermamente di siglare un accordo con un potenziale subentrante nel ramo d’azienda della GMS. Per contro, le istituzioni presenti (la quasi totalità)
suggerivano - a loro detta per il bene dei lavoratori - di validare il percorso tracciato dal datore (locazione del ramo d’azienda e passaggio dell’accreditamento).
Non avendo altre alternative ed in assenza dei sollecitati interventi della P.A., di cui infra le parlerò, abbiamo abbandonato la “retta via” per intraprenderne altra; qui, ad onore del vero, abbiamo preteso – ed ottenuto – una serie di garanzie per le retribuzioni pregresse e future dei
lavoratori.
Il percorso, poco condiviso, ci pareva concluso: oggi tutto è nuovamente stravolto e v’è un assordante silenzio.
Si ritorna sulla posizione iniziale, la qual cosa ci fa piacere perché - a questo punto - possiamo orgogliosamente affermare che avevamo ragione e perché apprendiamo che Lei è strenuo difensore del diritto alla salvaguardia dei posti di lavoro nel caso – non augurato - di un possibile spostamento
di pazienti in altre strutture.
Fin qui le note piacevoli.
Sull’altro fronte, medesima linearità non ho avvertito dagli altri Enti o Uffici interessati o interessatisi al tema.
Punto di partenza è il dato ineludibile che nel lungo tempo trascorso dall’avvio della vertenza (inizio anno) i lavoratori, pur continuando a prestare il servizio sanitario pubblico affidato al privato GMS, hanno percepito una sola mensilità su sette e non hanno nessuna garanzia per l’immediato futuro.
Le chiedo se è naturale o permissibile che la P.A. eroghi pubblico danaro all’esecutore del servizio e questi non paghi chi materialmente lo esegue.
Certi della non possibilità, i lavoratori tutti – assistiti dalla sigla che rappresento – hanno chiesto alla Asl, all’inizio del 2016 (per la verità lo si era già fatto nel 2015 quando si ripropose la medesima situazione), di sostituirsi nel pagamento delle retribuzioni dei lavoratori.
La vicenda ci pareva lineare e giuridicamente possibile (basti citare la recente sentenza del C.d.S. n. 1251/2016).
Sennonché la ASL, nel giorno in cui è stata raggiunta dalla richiesta di pagamento sostitutivo e/o diretto, ha preferito acconsentire alla cessione del credito pro solvendo nei confronti di un terzo istituto di credito, nonostante una conclamata e ormai nota a tutti inadempienza della GMS,
privandosi così delle risorse utili e necessarie ad assicurare una corretta esecuzione del servizio affidato e privando i creditori privilegiati (i lavoratori) della possibilità di assicurarsi presso il terzo ASL la soddisfazione del proprio credito.
Tanto è stato deciso e prosegue tutt’ora poiché, come apprendo dall’albo pretorio della ASL Bari, v’è recente determinazione dirigenziale - datata 26 luglio - con cui le prestazioni di maggio 2016 rese da GMS sono monetizzate e corrisposte ad un istituto di credito, mentre nulla si assume e
 ecide per remunerare chi le prestazioni le ha realmente svolte.
Forse la ASL avrebbe dovuto interrogarsi sulla opportunità di un assenso siffatto, stante l’acclamata illiquidità della GMS, il cui effetto è il favorire un terzo creditore chirografario in luogo dell’interessato creditore privilegiato (il lavoratore), grazie al quale il servizio pubblico è comunque assicurato.
Tale elementare tema non mi pare sia stato affrontato.
Dato quanto sopra, ampiamente documentabile, Le chiedo, anche nella Sua veste di giurista, di
rendere risposta a questi quesiti:
- quale norma permette ad un creditore chirografario (istituto di credito) di essere preferito ad
un creditore privilegiato (il lavoratore) ?
- perché il caso di accordi con società accreditate si sottrae all’art. 5 del DPR 207/2010
ovvero all’art. 30 del DLgs 50/2016, mentre la medesima disciplina sui contratti con la P.A.
è adottata per pagare gli istituti previdenziali (art. 4 del DPR 207/2010) ovvero per dare
assenso alla cessione del credito (art. 117 del DLgs. N. 163/2006) ?
- perché la ASL si sottrarrebbe al chiaro disposto dell’art. 1676 c.c.?
Rileverà che la corretta risposta a tali quesiti avrebbe evitato ai lavoratori ed alle loro famiglie l’umiliazione di lavorare e di non essere retribuiti (avrei voluto farLe assistere al pianto di una madre che non poteva dare al proprio figliolo 200€ per partecipare ad una gita scolastica), il tutto senza spostare il tema più generale dell’inadempimento agli obblighi di accreditamento e convezione della GMS.
Questi sono gli effetti di scelte poco attente – ahimè - compiute dalle Istituzioni.
Credo, in sincerità, che tutto ciò sia vergognoso.
Credo sia vergognoso il fatto che accada proprio nella nostra Regione. Credo, e ne sono talmente tanto convinto da aver presentato una richiesta di parere all’Anac, che il giusto esercizio delle prerogative e dei poteri della Pubblica amministrazione debba aiutare la parte debole (cittadino fruente del servizio e lavoratore addetto al servizio) e non debba essere asservita alla sola logica dell’utile commerciale.
Le chiedo, quindi, di intervenire in maniera dirompente per poter mettere in sicurezza il sacrosanto diritto alla retribuzione dei lavoratori, nell’attesa che si assumano tutte le legittime determinazioni rispetto al futuro degli accreditamenti del Presidio di riabilitazione “Padre Pio” di Capurso.
Confido nel Suo coraggio, nella Sua scelta di stare dalla parte di più deboli e di essere sempre e
comunque per il rispetto della legalità.

Domenico Ficco
Segretario Generale FP CGIL Bari

Ultima modifica il Venerdì, 29 Luglio 2016 17:19

Visite: 876

QUATTRO FIRME PER UN FUTURO MIGLIORE

Banner Carta diritti universali-1
    

Carissimi, la CGIL con coraggio e in un momento di grandi difficoltà per il mondo del lavoro ha deciso di cogliere la pressante richiesta di tutele che ci viene rivolta quotidianamente dai lavoratori e dai giovani che si incontrano sui posti di lavoro e di provare ad invertire il verso alle politiche scellerate che gli ultimi governi hanno portato avanti in materia di mercato del lavoro.

    Si vuole aprire una nuova stagione dei diritti, riportando la speranza e la gioia di vivere nel cuore di ciascun individuo. Il futuro è nelle nostre mani e dobbiamo guadagnarcelo giorno dopo giorno battendoci per quello in cui crediamo, perché non è vero che non ci sono alternative come qualcuno vuole farci credere.

    Da qui scaturisce la scelta di avviare una campagna di raccolta firme per presentare la proposta di legge di iniziativa popolare sulla Carta dei Diritti Universali del Lavoro e per far abrogare 3 norme di legge, attraverso l'istituto del Referendum, che attualmente consentono un indiscriminato uso dei voucher, non permettono il reintegro del lavoratore in caso di accertato licenziamento illegittimo e non garantiscono la conservazione del posto di lavoro in caso di cambio di appalto.

    La Carta dei Diritti Universali del Lavoro è una proposta che mira ad estendere i diritti a tutte le tipologie di lavoratori, dal lavoro subordinato al lavoro parasubordinato ma anche al lavoro autonomo. È evidente dunque che, la sfida, oggi, è quella di declinare il tema dei diritti riconoscendoli alle persone e non più suddividendoli per tipologia contrattuale.

    È una battaglia di civiltà e di democrazia, più volte sollecitata da lavoratori e giovani, a cui non ci si può sottrarre se vogliamo realmente garantire un futuro al Paese e alle nuove generazioni. Bisogna passare dalle parole ai fatti, concretamente, scendendo in campo e facendo valere i nostri diritti per una società più equa e coesa che garantisca dignità e prosperità per tutti, giovani e meno giovani, donne e uomini, dirigenti e operai, senza discriminazioni di sorta.

    È per questo che dallo scorso 9 aprile stiamo chiedendo a Voi tutti, iscritti e non iscritti, lavoratori, giovani e pensionati, di sottoscrivere la proposta di legge di iniziativa popolare sulla Carta dei Diritti Universali del Lavoro e i tre quesiti referendari. Mancano ancora poche settimane alla chiusura della raccolta firme (per i referendum il tempo assegnato è fino a fine giugno), per la verità molti vi hanno già provveduto, ma è necessario raggiungere un numero molto alto di sottoscrizioni se vogliamo che vengano prese in considerazione. Per questo Vi invitiamo, insieme a tutti coloro che conoscete e che potete avvicinare, a recarvi in massa presso le sedi CGIL presenti in tutti i Comuni per firmare dinanzi al personale autorizzato sia la proposta di legge di iniziativa popolare che i tre quesiti referendari. È un appuntamento a cui non si può mancare.

    Vi ricordiamo, infine, che possono firmare tutti i maggiorenni e che bisogna portare con sé un documento di riconoscimento in corso di validità. Per ulteriori informazioni o per conoscere l'indirizzo delle sedi CGIL presenti sul territorio potete contattare il numero di telefono 080-5767111 oppure visitare il sito WWW.CGILBARI.IT dove troverete anche le iniziative pubbliche che si stanno organizzando nei comuni a sostegno dell'iniziativa e per la raccolta delle firme.

    Allora sosteniamo con forza il cambiamento, mettiamo al centro della nostra azione i diritti e la dignità per ogni individuo, recandoci subito a firmare tutti insieme la proposta di legge di iniziativa popolare e i tre quesiti referendari. Cambiare si può, ma oltre a dichiararlo dobbiamo anche farlo e questa è sicuramente una buona occasione per provarci.


Domenico FICCO
Segretario Generale FP CGIL BARI

2 maggio 2016
                           

Ultima modifica il Lunedì, 02 Maggio 2016 13:12

Visite: 624

26 aprile Sciopero generale di categoria per la Puglia

sciopero

Manifestazione Regionale Unitaria a Bari dalle ore 09,00 alle ore 14,00
Concentramento innanzi Chiesa San Ferdinando Via Sparano – Bari
Interverranno 
le Segreterie Nazionali di FP CGIL, CISL FP, UIL FPL e UIL PA


#ContrattoSubito

  • Rinnovare i Contratti Nazionali di Ministeri, Agenzie Fiscali, Enti Pubblici non Economici, Enti Locali, Sanità Pubblica e Privata, Cooperative Sociali e Terzo settore;
  • Rilanciare la contrattazione decentrata ed aumentare le retribuzioni ferme da oltre sei anni;
  • Superare i vincoli della Legge Fornero sulle pensioni;

  • #GiustOrario e Vertenza Occupazione
  • Garantire il giusto diritto al riposo per tutti gli operatori, pubblici e privati;
  • Rispettare gli orari di lavoro per garantire servizi sicuri ai cittadini e i diritti di chi lavora;
  • Rispettare le norme di legge e contrattuali attraverso un piano di assunzioni regionale finalizzato alla riduzione drastica delle liste d’attesa per le prestazioni sanitari e alla creazione di nuovi posti di lavoro per professionisti sanitari e sociosanitari, medici, infermieri, OSS;

 

Assetti Istituzionali

  • Avviare immediatamente un confronto con la Regione Puglia su una proposta organica di ridisegno delle funzioni pubbliche e istituzionali su territorio; perché la Legge Madia ridurrà la presenza dello Stato e del sistema degli Enti Territoriali, mettendo a rischio uffici e lavoratori di Prefetture, Camere di Commercio, Province, Ministeri, INPS, INAIL, Ministero del Lavoro, le Società partecipate, il corpo forestale dello stato e i vigili del fuoco con conseguenti riduzioni di servizi ai cittadini e imprese;

Vertenze Regionali Pugliesi risoluzione delle vertenze regionali:

  • Sistema Socio Sanitario: riattivare subito i confronti regionali con il Governatore ed Assessore alla Sanità M. Emiliano e aziendali con le Direzioni Generali delle ASL su effetti e ricadute del Piano di riordino della Rete Ospedaliera e sul Piano Operativo 2016/2017, per valorizzare il lavoro di tutti gli operatori e per migliorare la qualità dei servizi per i cittadini, mobilità dipendenti Province;
  • Rafforzamento delle Società Sanitaservice delle ASL;
  • Personale Enti Locali; problematiche Sanità Privata e Terzo Settore;
  • Riorganizzazione Ente Regione Puglia e Agenzie Regionali;
  • stabilizzazioni precari

Ultima modifica il Mercoledì, 20 Aprile 2016 12:46

Visite: 675

FPCGILNAZIONALE
FPCGILPUGLIA

bannercontrolloposizione

banner SIRIOPERSEO

tre leggi

blog rossana

loghibottom-01

loghibottom-08

loghibottom-04

loghibottom-06

loghibottom-16

loghibottom-13

loghibottom-10

loghibottom-02x

loghibottom-14

loghibottom-09

loghibottom-07

loghibottom-12

loghibottom-02

loghibottom-11

loghibottom-15

loghibottom-16

loghibottom-03

alpa

Visitatori Online »

Abbiamo 13 visitatori e nessun utente online

ACCEDI ALLA WEBMAIL

webmail logo

Funzione Pubblica CGIL Bari
Via Natale Loiacono, 20/b - 70126 Bari
tel 080 5743083 - fax 080 5742751
info@pec.fpcgilbari.it | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FP CGIL BARI 2012 © | Tutti i diritti riservati

powered by

Powered By Arancio"altracomuncazione"