Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
A+ A A-
Tools

MIBACT: Comunicato riapertura Castello Svevo di Bari

CastelloBari

COMUNICATO

Castello Svevo di Bari: Riapre il 3 Ottobre 2017 alla presenza del Ministro Franceschini, dopo i lavori di restauro, ma abbiamo molti dubbi sulla fruibilità immediata del monumento.

Le aspettative per la riapertura al pubblico del primo piano del Castello Svevo di Bari, che il sindaco De Caro (non i dirigenti del MiBACT) ha annunciato alla stampa, rischiano di essere frustrate il giorno dopo il taglio del nastro da parte del Ministro Franceschini perché, come denunciamo da tempo, non è stata trovata nessuna soluzione alla carenza di personale (soprattutto di vigilanza, accoglienza e fruizione) del Polo Museale della Puglia.
Insomma, il rischio è che il tutto si esaurisca nel solito effetto annuncio che si scontra con il mancato investimento sul lavoro stabile.
Da tempo abbiamo segnalato come le carenze di personale hanno determinato la riduzione degli orari di apertura al pubblico, soprattutto nei giorni festivi.
Per quanto riguarda il Castello di Bari, abbiamo lanciato l’allarme dallo scorso anno, quando sembrava imminente la restituzione al territorio dell’intero percorso museale, dopo i lavori costati un bel po’ di milioni.
Non a caso avvertimmo di un possibile fallimento del Polo Museale della Puglia, previsto dalla riforma Franceschini, per la carenza di personale.
L’invecchiamento dei lavoratori in servizio presso il Castello di Bari rende ancor più drammatica la carenza dell’organico, ma nessun incremento è previsto a breve, almeno per coprire una pianta organica già falcidiata dalla spending review.
Insomma, senza un incremento di personale, dopo il 3 Ottobre c.a., il Monumento dovrà essere chiuso nuovamente in quanto non potrà essere garantita la tutela e sicurezza del bene.
Dagli uffici del MiBACT, che devono gestire il Castello, nessuna comunicazione al personale o convocazione di incontro alle OO.SS. è pervenuta.
Eppure si è sempre stati concordi nel denunciare le carenze e le difficoltà, il confronto finora era stato sempre costruttivo nella ricerca di soluzioni anche in condizioni di grande difficoltà.
Purtroppo, dobbiamo interpretare il silenzio degli uffici verso il personale e le OO.SS. come un segno di forte imbarazzo che prelude a soluzioni pasticciate come aperture a singhiozzo o contrazioni dell’orario di apertura che non garantiscono la tutela e la sicurezza del bene e dei visitatori.
Insomma, ancora una volta, ribadiamo che senza un serio piano di assunzioni di personale difficilmente si potrà determinare uno sviluppo delle politiche di tutela, valorizzazione e fruizione dei Beni Culturali.
Il Ministro Franceschini, chiamato a tagliare il nastro per l’inaugurazione del Castello Svevo di Bari, non può eludere la questione se non vuole che tutto si risolva nell’effetto effimero che si esaurisce in un giorno di festa e in qualche foto ricordo da pubblicare sui mass media e sui social.

Antonio Ventrelli Segretario Provinciale Funzione Pubblica CGIL Bari
Matteo Scagliarini Coordinatore Provinciale MIBACT FP CGIL

Ultima modifica il Lunedì, 25 Settembre 2017 10:26

Visite: 448

IL SERVIZIO SOCIALE BISTRATTATO

criminalita

Sicurezza a rischio nel presidio di Japigia
Conveniamo che i recenti fatti verificatisi nel quartiere Japigia allarmino, e non poco, l'Amministrazione comunale, tanto da convincerla a confermare un presidio in quelle zone, che diventa non solo una presenza dello Stato che non arretra di fronte all'arroganza e alla devastazione e che porta con se' violazioni di legge ma rappresenta anche un aiuto e un supporto ad utenti che non devono sentirsi abbandonati.
Ma di sicuro non è questo il modo.
La conferma della permanenza di un servizio sociale composto da sei operatori fra assistenti sociali ed educatori professionali, sfornito, oltre al resto, di supporto amministrativo, non può offrire l’efficienza e l'utilità necessaria a quella popolazione
Ma non solo.
Abbiamo visitato i locali in cui il personale, gli operatori del servizio, dovrebbe essere collocati. E’ vergognoso e mostra quale considerazione questa Amministrazione riserva agli operatori sociali, relegati in un sottoscala che non può che essere adibito, nel migliore dei casi, a magazzino. Parliamo di locali raggiungibili dopo una rampa di scale (nel ventre dello stabile) a destra della quale c'è un cunicolo dove utenti arrabbiati o fuori di testa potrebbero aggredire indisturbati chiunque. Poi si accede a sinistra in un grande stanzone, la cui pulizia dei vetri trascuriamo di commentare. E ancora a sinistra, uno stretto e buio corridoio porta a due stanzette che possono ospitare altrettanti (2) operatori che se isolati e aggrediti o se scoppiasse un incendio o un caso di emergenza di altro tipo, rimarrebbero sicuramente intrappolati come topi, poiché non ci sono uscite di emergenza utilizzabili.
A parte la condizione priva di dignità in cui sono infilati e ridotti professionisti del welfare che in questi anni di magra e di tagli, hanno lavorato indefessamente e senza risparmiarsi, gli unici in tutto il Comune a non avere un riconoscimento professionale ed economico che li ripaghi dei sacrifici fatti e della competenza e professionalità acquisita, noi vogliamo richiamare il Comune alle sue responsabilità, che sta firmando e consegnando in questo modo carta bianca a quanti si vogliono accanire contro questi operatori, catena ultima di un welfare insufficiente, vittime sacrificali di una crisi che tarda a finire. Sottoposti a rischio certo di incolumità fisica.
Difficile constatare con delusione che inutilmente sono trascorsi questi anni e i tanti tavoli e i documenti prodotti finalizzati a valorizzare e premiare oltre che tutelare questi lavoratori. Questa Amministrazione continua in una forma di accanimento che non trova eguali e la dimostrazione concreta appare sempre più evidente.
Malgrado per tempo abbiamo indicato i rischi a cui la struttura di Japigia espone i lavoratori, L'Amministrazione conferma, peggiorando, una condizione di collocazione ancora peggiore e notevolmente a rischio, per questi operatori!
Noi non ci stiamo. Da ora lo stato di agitazione, che riparte da questo ennesimo stato di degrado in cui si vuole lasciare il servizio sociale, si articolerà con ogni forma di protesta e pubblicità per modificare questa cronaca di degrado annunciata, perché non si scherza con la dignità e con la vita di nessuno, soprattutto con chi per professione e mission la vita degli altri la tutela e promuove ogni giorno.
E oltre quanto esposto, vogliamo ritornare a parlare e a realizzare le nostre proposte di riorganizzazione, che renderebbero maggiormente efficiente un servizio fondamentale per la cittadinanza e che avrebbe bisogno non di un restyling apparente ma soprattutto di una volontà politica che vuole bene prima di tutto ai cittadini, utilizzando nel modo più consono professionalità importanti.
Chiediamo dunque sin da subito un incontro urgente per chiarire una situazione che questi Sindacati non sono più disposti a tollerare.
       
            Cgil Fp                              Uil Fpl    
       (f.to Tomaselli)              (f.to De Gregorio)  

Ultima modifica il Lunedì, 20 Marzo 2017 15:49

Visite: 628

FPCGILNAZIONALE
FPCGILPUGLIA

bannercontrolloposizione

banner SIRIOPERSEO

tre leggi

blog rossana

loghibottom-01

loghibottom-08

loghibottom-04

loghibottom-06

loghibottom-16

loghibottom-13

loghibottom-10

loghibottom-02x

loghibottom-14

loghibottom-09

loghibottom-07

loghibottom-12

loghibottom-02

loghibottom-11

loghibottom-15

loghibottom-16

loghibottom-03

alpa

Visitatori Online »

Abbiamo 13 visitatori e nessun utente online

ACCEDI ALLA WEBMAIL

webmail logo

Funzione Pubblica CGIL Bari
Via Natale Loiacono, 20/b - 70126 Bari
tel 080 5743083 - fax 080 5742751
info@pec.fpcgilbari.it | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FP CGIL BARI 2012 © | Tutti i diritti riservati

powered by

Powered By Arancio"altracomuncazione"