Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
A+ A A-
Tools

Comunicato Aggressione Operatore 118 Terlizzi

aggressione

Bari, 27/03/2015 Al Direttore Generale ASL BA e, p.c.: A tutto il personale ASL BA

Le scriventi OO.SS., sono venute a conoscenza dell'ennesimo grave episodio di violenza avvenuto nella giornata di ieri ai danni di due operatori del S.E.S. 118 della postazione di Terlizzi (questa volta e' toccata ad un soccorritore e ad un infermiere).
Le Segreterie territoriali FP CGIL, CISL FP e UIL FPL, nel manifestare la loro sentita e sincera solidarietà e vicinanza ai predetti lavoratori, rei ancora una volta di fare soltanto il proprio dovere, sollevano un grido di allarme per il moltiplicarsi di questi gesti di intolleranza e di violenza nei confronti dei lavoratori della ASL BA che non va assolutamente sottovalutato.

È necessario, quindi, alzare la guardia ed aumentare con ogni urgenza le misure di sicurezza al fine di tutelare l'integrità e la salute degli operatori sanitari della ASL BA, coinvolgendo adeguatamente anche le autorità preposte a tal fine (Questura, Prefettura, Forze di Polizia, ecc.).
Infatti, il clima di tensione sociale, che cresce di giorno in giorno nel nostro Paese a causa del protrarsi di una lunga crisi economica che non sembra arrestarsi, combinato ad una campagna denigratoria dei dipendenti pubblici che ormai va avanti da tempo, sta portando ad un sensibile aumento di tali episodi di violenza nei confronti dei lavoratori della P.A. su tutto il territorio nazionale.

Pertanto, al fine di evitare il ripetersi di tali episodi di aggressione nelle sedi della ASL BA, che prima o poi potrebbero avere conseguenze ben più gravi (come già avvenuto nella nostra provincia), le scriventi invitano la S.V. a volersi attivare con ogni urgenza per garantire una maggiore sicurezza dei lavoratori .

Nell'attesa di un sollecito riscontro della presente, porgono distinti saluti.
FP CGIL                      CISL FP                        UIL FPL
Antonio Ventrelli           Giovanni Stellacci         Paolo Centrone

Ultima modifica il Lunedì, 30 Marzo 2015 13:04

Visite: 816

SITUAZIONE EMERGENZIALE CRONICA AI PRESIDI OSPEDALIERI DEL "DI VENERE" E DEL "SAN PAOLO".

ASL BA
SITUAZIONE EMERGENZIALE CRONICA AI PRESIDI OSPEDALIERI DEL "DI VENERE" E DEL "SAN PAOLO".
POSTI LETTO INSUFFICIENTI E CARENZA DI PERSONALE METTONO A RISCHIO I LIVELLI ESSENZIALI DI
ASSISTENZA PER I CITTADINI.

È ormai da tempo che presso i Presidi Ospedalieri cittadini del "Di Venere" e del
"San Paolo" si vive una grave e cronica situazione emergenziale a causa della
insufficiente dotazione di posti letto e della insostenibile carenza di personale
sanitario.
Infatti, sono molti i Reparti dei due Presidi Ospedalieri che giornalmente devono far
fronte ad un numero di ricoveri notevolmente superiori ai posti letto disponibili con
personale assegnato insufficiente che fa grandi sacrifici per garantire
quotidianamente il servizio e l'assistenza ai cittadini del territorio.
Nel Presidio Ospedaliero "Di Venere" attualmente ci sono almeno 50/60 ricoveri in
più rispetto ai posti letto assegnati.
In particolare, a mero titolo esemplificativo, abbiamo la seguente situazione:
"Medicina": 23 ricoveri a fronte di 16 posti letto;
"Chirurgia": 23 ricoveri a fronte di 16 posti letto;
"Nefrologia": 16 ricoveri a fronte di 10 posti letto;
"Neurologia": 16 ricoveri a fronte di 12 posti letto;
"Rianimazione": 12 ricoveri a fronte di 8 posti letto;
"Ostetricia": 35 ricoveri a fronte di 32 posti letto; ecc..
Situazione analoga riscontriamo al Presidio Ospedaliero "San Paolo", che
riportiamo in breve a mero titolo semplificativo:
"Medicina": 30 ricoveri a fronte di 24 posti letto;
"Chirurgia": 40 ricoveri a fronte di 34 posti letto;
"UTIC": 22 ricoveri a fronte di 16 posti letto;
"Gastroenterologia": 20 ricoveri a fronte di 16 posti letto;
"Pneumologia/UTIR": 22 ricoveri a fronte di 20 posti letto; ecc.
Questa situazione di quotidiana emergenza per eccesso di ricoveri rispetto ai posti
letto assegnati ai due Ospedali cittadini, e' aggravata notevolmente dalla cronica
carenza di personale sanitario in molti dei reparti dei due presidi, dove medici,
infermieri e personale tutto sono costretti a lavorare in condizioni inumane
sobbarcandosi turni e carichi di lavoro insostenibili con gravi rischi per la salute dei
cittadini del territorio e degli stessi operatori.
Pertanto, la FP CGIL di Bari invita la neo Direzione della ASL BA ad intervenire con
urgenza ed incisività per affrontare e risolvere queste gravi criticità dei Presidi
Ospedalieri del "San Paolo" e del "Di Venere" al fine di garantire una adeguata
assistenza sanitaria ai cittadini del nostro territorio e condizioni di lavoro più sicure
agli operatori sanitari dei due nosocomi cittadini che giornalmente, in maniera
eroica, prestano la propria attività, tra mille difficoltà, per salvare vite umane.

Ultima modifica il Lunedì, 23 Marzo 2015 09:42

Visite: 462

FPCGILNAZIONALE
FPCGILPUGLIA

bannercontrolloposizione

banner SIRIOPERSEO

tre leggi

blog rossana

loghibottom-01

loghibottom-08

loghibottom-04

loghibottom-06

loghibottom-16

loghibottom-13

loghibottom-10

loghibottom-02x

loghibottom-14

loghibottom-09

loghibottom-07

loghibottom-12

loghibottom-02

loghibottom-11

loghibottom-15

loghibottom-16

loghibottom-03

alpa

Visitatori Online »

Abbiamo 3 visitatori e nessun utente online

ACCEDI ALLA WEBMAIL

webmail logo

Funzione Pubblica CGIL Bari
Via Natale Loiacono, 20/b - 70126 Bari
tel 080 5743083 - fax 080 5742751
info@pec.fpcgilbari.it | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FP CGIL BARI 2012 © | Tutti i diritti riservati

powered by

Powered By Arancio"altracomuncazione"