Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
A+ A A-
Tools

#ProntoSoccorsoKo

ProntoSotccorso

#ProntoSoccorsoKo. Fp-Cgil: vi fareste curare da medici e infermieri stressati?

Domani iniziative in tutta Italia in difesa dei servizi

BARI, MANIFESTAZIONE AL PRONTO SOCCORSO DEL POLICLINICO DALLE ORE 10 ALLE ORE 12

La sanità è al collasso e i cittadini, privi di un'efficace rete Territoriale alternativa, sono costretti a recarsi nei Pronto Soccorso di ospedali senza più i posti letto  sufficienti. La riduzione dei fondi e del personale ricade così direttamente su di loro, privati di un diritto, e sugli operatori, costretti a turni massacranti per mantenere i servizi. Con una campagna informativa e una mobilitazione che si terrà DOMANI VENERDI’ 23 GENNAIO SUL CAOS NEI PRONTO SOCCORSO, LA FP-CGIL NAZIONALE LANCIA AI CITTADINI UNA DOMANDA PROVOCATORIA: “SICURI DI VOLERVI FAR CURARE DA MEDICI E INFERMIERI STRESSATI?”.

In Puglia a causa del Piano di Rientro sono stati chiusi 22 ospedali e tagliati 2200 posti letto senza che sia stata prima potenziata la medicina del territorio. Il blocco del turnover e delle assunzioni ha causato in Puglia la perdita di 3000 posti di lavoro. Sono rimasti sulla carta come ipotesi mai realizzate, o non completate o ancora inaugurate ma mai diventate operative: Case della Salute, Poliambulatori distrettuali, Studi dei Medici di famiglia.

Anziché attaccare le vere fonti di spreco (acquisizioni di beni e servizi da privati costose ed improduttive, estesi anche alla assistenza diretta dei pazienti, spesa farmaceutica, che vede la Puglia ai primi posti per numero di ricette, acquisto di tecnologie in seguito sottoutilizzate, apparati amministrativi  spesso inefficienti anche per la carenza di personale non apicale,) il Governo taglia in maniera trasversale sempre e solo i contingenti di personale. La conseguenza è la riduzione di prestazioni ai cittadini soprattutto alle fasce più deboli (pensionati e disoccupati) fino alla negazione del diritto alla salute.

E’questo il vero motivo del collasso dei Pronto Soccorso in tutta Italia.

La riduzione delle vaccinazioni quale causa dell'aumento degli accessi in Pronto Soccorso è una menzogna mediatica lanciata per coprire le vere ragioni del problema: la fragilissima tenuta del sistema che non è più in grado di garantire assistenza ai cittadini che pagano, insieme ai lavoratori ormai allo stremo, il conto di una politica “malata” che chiede alle Regioni di rispettare i Livelli Elementari di Assistenza ma pretende 4 miliardi di risparmi.

Per questo la CGIL organizza DOMANI iniziative in tutta Italia.

A BARI LA MANIFESTAZIONE SI TERRÀ AL PRONTO SOCCORSO DEL POLICLINICO DALLE ORE 10 ALLE ORE 12. SI TRATTERÀ DI UN FLASH MOB FINALIZZATO A DARE SOSTEGNO AI LAVORATORI E A SENSIBILIZZARE I CITTADINI.

Sempre al Policlinico di Bari l’11 febbraio è in programma una iniziativa sulla Medicina del Territorio: un momento di riflessione per affrontare insieme alle istituzioni, le cause del mancato decollo del settore e le proposte più adeguate per il suo funzionamento.

DOMENICO FICCO
Segretario Generale Fp Cgil Bari

ANTONIO MAZZARELLA
Coordinatore Regionale FP Cgil Medici

 

Scarica la locandina

Ultima modifica il Giovedì, 22 Gennaio 2015 16:12

Visite: 378

ASL BA: Comunicato sulla mensa

AslBari

Le scriventi OO.SS. hanno appreso con sconcerto che in questi giorni è stato divulgato in alcune sedi della ASL BA un documento sulla mensa datato 2 Dicembre 2014 a firma delle Segreterie Provinciali FP CGIL - CISL FP - FIALS - FSI e della RSU.
Senza voler entrare nel merito dei contenuti del suddetto documento, stigmatizziamo tale grave episodio poiché non lo abbiamo mai né firmato e né autorizzato la divulgazione.
Pertanto, considerato che non è la prima volta che questo accade in alcune sedi come quelle del Presidio Ospedaliero di Monopoli (vedasi una recente assemblea sindacale a firma non autorizzata delle scriventi), ci riserviamo di interessare le competenti autorità giudiziarie al fine di perseguire i responsabili di tali atti lesivi delle immagini delle organizzazioni sindacali FP CGIL e CISL FP.
Per quanto riguarda la problematica della mensa, FP CGIL e CISL FP preliminarmente (come già fatto in tutte le riunioni sindacali ufficiali e non) stigmatizzano il comportamento dell'Amministrazione che non ha impugnato alcune sentenze favorevoli di primo grado sulla mensa a favore di circa 180 lavoratori privilegiati della ASL BA, creando così una grave e palese discriminazione nei confronti di tutti gli altri lavoratori (circa 6000) che pur avendone diritto a tutt'oggi non si sono visti riconoscere il beneficio contrattuale.

Pertanto, queste OO.SS. stanno raccogliendo tutti gli atti relativi a tale grave inadempienza da parte dell'Amministrazione, che ha creato grande e diffuso malcontento tra i lavoratori della ASL BA, per valutare l'opportunità di segnalare l'accaduto ai competenti organi di controllo contabile affinché ne accertino le relative responsabilità.

Per quanto riguarda poi la vicenda sulla mensa, le scriventi ricordano che in data 17 novembre c.a. hanno sottoscritto un accordo, vincolato al buon esito della proposta transattiva, solo:
sul regolamento sulla mensa che riconoscerebbe finalmente a decorrere dal 1/01/2015 il diritto alla mensa o ai buoni pasto sostitutivi a tutti i lavoratori ASL BA aventi diritto, che a tutt'oggi sono rimasti gli unici nel panorama degli Uffici della P.A. della provincia di Bari a non vedersi riconoscere tale beneficio contrattuale;

  • sul regolamento sull'orario di lavoro che consentirebbe, sempre con decorrenza 1/01/2015, l'armonizzazione degli orari di lavoro in tutta la ASL BA oltre che il riconoscimento, tra l'altro, per gli operatori professionali del ruolo sanitario di 15 minuti in ingresso ed in uscita per il passaggio di consegne e vestizione considerati come orario di lavoro.
  • Nessun accordo invece è stato sottoscritto in materia di mobilità come invece falsamente dichiarato in alcuni volantini di altre OO.SS., che peraltro non hanno partecipato ad alcun incontro, o perché non rappresentative o per scelta.

Infatti, la bozza di regolamento sulla mobilità inviata dall'Amministrazione non è stata neanche discussa per decisione di tutte le OO.SS. e la RSU presenti alle riunioni (come si può evincere dalle copie dei verbali già inviati dalle scriventi ai lavoratori).
Quanto poi alla proposta transattiva sulla mensa per il periodo 01/01/2008 - 31/12/2014 fatta dalla Direzione Generale della ASL BA, le scriventi segreterie territoriali (a differenza di quanto falsamente comunicato da alcune OO.SS. non presenti all'incontro di cui trattasi) si sono limitate a prendere atto di tale proposta (dopo aver tentato in tutti i modi di far aumentare l'ammontare delle risorse destinate a chiudere il contenzioso con i lavoratori) in quanto è solo il singolo lavoratore avente diritto alla mensa che potrà liberamente decidere se transare oppure continuare il contenzioso. La proposta transattiva sulla mensa, che destina circa euro 11.500.000 ai lavoratori ASL BA aventi diritto, riconoscerebbe circa 2.100 euro ai turnisti e circa 1500 euro ai lavoratori che lavorano su settimana corta, previa sottoscrizione di apposita dichiarazione di accettazione della transazione predisposta dall'Azienda.

Al riguardo, ribadiamo che le scriventi, dopo aver esercitato tutte le pressioni del caso per far aumentare la somma destinata ai lavoratori per la transazione in questione (che difatto è passata da euro 10.500.000 iniziali a 11.500.000 di euro) non potevano che prendere atto e lasciare liberi i lavoratori di scegliere se transare o continuare il contenzioso.
Pertanto, invitiamo i lavoratori a diffidare di certi tromboni che diffondono notizie false, superficiali e parziali sui risvolti che ci potrebbero essere in primo grado o in appello (stante l'esito sempre incerto delle cause ed il pericolo di condanna alle spese) e vi invitiamo a contattarci per avere tutte le informazioni al riguardo.
 A dimostrazione della trasparenza che ha contraddistinto l'azione di queste OO.SS. anche in questa vicenda, ricordiamo che le copie dei verbali sono stati trasmessi alle OO.SS. solo a seguito di esplicita e perentoria richiesta delle scriventi che poi hanno provveduto a divulgare tra i lavoratori ASL BA, a differenza di altre OO.SS. che invece hanno inoltrato solo comunicati in cui si davano informazioni spesso non veritiere e prive di qualsiasi fondamento.

Comunque, allo stato dell'arte, affinché la proposta transattiva dell'Azienda e gli accordi sul regolamento sulla mensa e sul regolamento sull'orario di lavoro siano resi attuativi, è necessario che i vertici aziendali li recepiscano emanando una delibera.
Pertanto, in questi giorni chiederemo di incontrare i vertici aziendali per capire a che punto è l'iter amministrativo sulla problematica della mensa e successivamente valuteremo le conseguenti azioni da mettere in campo a tutela dei diritti dei lavoratori.

Bari, 9 Dicembre 2014

Ultima modifica il Domenica, 21 Dicembre 2014 19:28

Visite: 1604

FPCGILNAZIONALE
FPCGILPUGLIA

bannercontrolloposizione

banner SIRIOPERSEO

tre leggi

blog rossana

loghibottom-01

loghibottom-08

loghibottom-04

loghibottom-06

loghibottom-16

loghibottom-13

loghibottom-10

loghibottom-02x

loghibottom-14

loghibottom-09

loghibottom-07

loghibottom-12

loghibottom-02

loghibottom-11

loghibottom-15

loghibottom-16

loghibottom-03

alpa

Visitatori Online »

Abbiamo 6 visitatori e nessun utente online

ACCEDI ALLA WEBMAIL

webmail logo

Funzione Pubblica CGIL Bari
Via Natale Loiacono, 20/b - 70126 Bari
tel 080 5743083 - fax 080 5742751
info@pec.fpcgilbari.it | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FP CGIL BARI 2012 © | Tutti i diritti riservati

powered by

Powered By Arancio"altracomuncazione"